News

Le app per il conto corrente

Sempre più italiani usano le app per le operazioni sul conto corrente
Alle volte si dice che gli italiani sono poco tecnologici, ma le ricerche smentiscono ciò, in particolare quando si tratta di smartphone. Un'indagine realizzata da Ing Bank, coinvolgendo 15 nazioni per un totale di quasi 15000 risparmiatori, rivela, infatti, che oltre un italiano su tre ha installato un'app per usufruire dei servizi bancari a dista...

Ripartono i prestiti
I prestiti sono cresciuti di oltre l'8% nei primi 3 mesi del 2015
Ripartono i prestiti e non si tratta di previsioni per il futuro, ma dei dati ufficiali del Bolletti...Leggi tutto

Nuovi tassi cessione del quinto e carte revolving
Aggiornati i TEGM e le soglie d'usura
Sono stati pubblicati i nuovi Tassi Effettivi Globali Medi (TEGM) rilevati nel trimestre ottobre/dic...Leggi tutto

Il prestito vitalizio ipotecario è legge
Approvate le nuove norme per il prestito vitalizio ipotecario
Con l'approvazione definitiva del Senato il nuovo prestito vitalizio ipotecario è legge, una soluzio...Leggi tutto

Più prestiti nel 2015
Secondo il Barometro Crif a gennaio le domande di prestiti registrano un +6,4%
E' stato pubblicato il Barometro CRIF con dati interessanti in merito alle domande di prestiti del p...Leggi tutto
Curiosità
Come funziona l'Arbitrato Bancario
Il ricorso all'ABF
L'Arbitrato Bancario Finanziario è uno strumento utile per far valere i propri diritti senza la necessità di rivolgersi ad avvocati e tribunali, ferma restando la possibilità, sia per il cliente che per la banca o l'intermediario, di rivolgersi ad un giudice successivamente alla decisione dell'ABF. Si tratta di un organismo indipendente al quale si...

Come funziona l'Arbitrato Bancario
Il ricorso all'ABF
L'Arbitrato Bancario Finanziario è uno strumento utile per far valere i propri diritti senza la nece...Leggi tutto

Come funziona l'Arbitrato Bancario
Il ricorso all'ABF
L'Arbitrato Bancario Finanziario è uno strumento utile per far valere i propri diritti senza la nece...Leggi tutto

Reclamo prestito veloce
Come presentare reclami per i prestiti
Sottoscrivendo un contratto di credito al consumo, ovvero un finanziamento richiesto da privati di i...Leggi tutto
Annunci di Lavoro

Prestiti veloci

Definizione, caratteristiche e modalità per ottenerlo

Tutti sappiamo quanto sia complesso ottenere un mutuo e d'altra parte si tratta di un prestito particolarmente impegnativo, sia per la somma di denaro solitamente molto alta che per i tempi previsti per la sua restituzione.

All'opposto del mutuo per l'acquisto o la ristrutturazione della casa troviamo il prestito veloce, una particolare forma di finanziamento che è assai popolare al giorno d'oggi.

Un prestito che arriva a centinaia di migliaia d'euro da restituire in decine d'anni richiede inevitabilmente approfondite analisi da parte della Banca presso la quale si rivolge il richiedente il mutuo, la cui posizione lavorativa e l'affidabilità finanziaria viene analizzata nelle settimane che intercorrono dall'apertura della pratica fino alla delibera finale, la quale prevede anche la perizia sul valore dell'immobile oggetto del mutuo.

Assai diversa è la situazione di una persona che abbia necessità di una piccola somma di denaro da restituire in pochi mesi. Nel caso dei prestiti veloci non parliamo, infatti, di cifre particolarmente alte, bensì di piccole somme di denaro il quale è però necessario per fare fronte a spese improvvise ed inderogabili.

La differenza sostanziale tra un normale prestito personale ed un prestito veloce consiste nel fatto che spesso, la richiesta di   un normale prestito, prevede l'impiego di diversi giorni da parte dell'Ente erogatore prima di deliberare la pratica e, di conseguenza, di accreditare la somma richiesta e di cui si ha necessità.

Un prestito veloce, invece, prevede l'accredito dei soldi richiesti  nel giro di 24 - 48 ore, con un forte  e d indispensabile risparmio di tempo nel caso si abbiano spese urgenti ed inderogabili da affrontare.

I prestiti veloci vengono solitamente richiesti on line perchè, grazie ai potenti motori di ricerca per prestiti, è possibile in pochi minuti trovare le diverse opportunità e proposte delle migliori finanziarie, al fine di riuscire a valutare e scegliere il prestito veloce che più si adatta alle nostre esigenze.

La richiesta di un prestito veloce on line consente d' inviare tutti i dati ed i documenti necessari via internet, con un incredibile risparmio di tempo e di denaro.

I prestiti veloci vengono generalmente concessi per una cifra massima di 60.000/70.000 Euro e vengono accreditati nell'arco di qualche giorno, in media da 1 a 3 giorni.

E' possibile trovare anche finanziarie che garantiscono prestiti addirittura in 1 ora, ovviamente a fronte di particolari garanzie e per piccole somme di denaro.

Un prestito veloce è un prestito non finalizzato e pertanto viene erogato senza l'obbligo di dichiararne la destinazione di utilizzo.

I prestiti veloci possono essere richiesti da dipendenti pubblici e privati con regolare busta paga e da pensionati con regolare cedolino della pensione.

I  documenti  e le garanzie richieste per accedere ad un prestito veloce fanno parte di una lista più o meno corposa a secondo dell'Ente che eroga il prestito, il quale decide, a suo giudizio, se accordare  o meno la somma richiesta.

Generalmente per ottenere un prestito veloce non è necessario presentare  garanzie reali, a meno che  l'Ente erogatore non si trovi ad esaminare una richiesta un po' particolare e per la quale si renda necessaria  la firma di un coobbligato oppure una fideiussione.

La quantità dei documenti necessari e l'eventuale richiesta di garanzie è determinata anche dall' importo richiesto a titolo di prestito e pertanto, maggiore è l'importo del  prestito, maggiori saranno le garanzie che vengono richieste.

La velocità nell'erogazione del prestito è data quindi dai seguenti parametri:

- l' ammontare  della cifra richiesta

- la quantità dei documenti necessari per la verifica della posizione creditizia del soggetto debitore

I documenti che generalmente vengono richiesti per l'erogazione di un prestito veloce sono:

- per lavoratori dipendenti l'ultima busta paga

- per lavoratori autonomi la dichiarazione dei redditi

- un documento di riconoscimento (fotocopia fronte e retro carta d'identità o patente non scadute)

- la fotocopia del codice fiscale

- la fotocopia di un documento attestante la residenza

- la fotocopia di un documento da cui risultino numero di conto corrente e coordinate bancarie

- in alcuni casi possono essere richiesti anche il CUD e le ultime due bollette di un'utenza intestata